Nell’attimo l’incontro

Nell’attimo l’incontro

Sabato 22 aprile 2017

FONDAZIONE CASA DELLA DIVINA BELLEZZA

Via Roma 7 – Forza D’Agrò (ME)

ore 17.30

Saluto di benvenuto

Alfredo La Malfa – Presidente Fondazione Casa della Divina Bellezza

Interventi

Fabio Raimondi – Direttore Museo Diocesano di Caltagirone

Fabio Francesco Grippaldi – Coordinatore Regionale AMEI (Associazione Musei Ecclesiastici Italiani)

Presentazione mostra

Giuseppe Ingaglio – Storico e critico d’arte

ore 18.30
Inaugurazione personale d’arte

NELL’ATTIMO L’INCONTRO di Alberto Gianfreda

a cura di Giuseppe Ingaglio

La mostra interpreta lo spazio sacro come luogo dell’incontro tra la dimensione del trascendente e il continuo fluire dell’immanente nel tempo.
Nell’attimo l’azione di Dio si estende nell’operosità umana, momento per momento, in un labor continuo evocato dalle stesse esperienze artistiche di Alberto Gianfreda, le cui opere hanno spesso un riferimento al sacro, si pensi all’altare e all’ambone realizzati per la Chiesa di San Nicola da Tolentino a Venezia.
Sono gli uomini e le loro scelte a creare lo spazio sacro, spazio inteso, in questo progetto curatoriale e artistico, nella duplice accezione di “luogo” e di “condotta” esistenziale, di dimensione e di direzione di vita dell’uomo contemporaneo, come ci ricordano le stesse opere di Gianfreda.
“Nell’Attimo l’incontro. Lo spazio sacro nelle esperienze di Alberto Gianfreda” presenta una selezione di quattro sculture realizzate con materiali misti (terracotta, ferro, alluminio, marmo, ecc) dell’artista lombardo Alberto Gianfreda.
“Cinque insiemi di materia prima”, 2014, “Dove poggio le mie mani”, 2014, “Non basta all’infinito”, 2015, “Icona resiliente”, 2016 dialogano con due opere provenienti dal Museo Diocesano di Caltagirone, nello specifico, “Il Martirio di Santa Febbronia” di Francesco Vaccaro del 1860 e “Gesù Cristo Crocifisso”, Bottega siciliana, della seconda meta` del sec.
XVIII.

Evento in collaborazione con il Museo Diocesano di Caltagirone e con l’AMEI (Associazione Musei Ecclesiastici Italiani).




Comments are closed.

'